Rajasthan

Partenze garantite minimo 2 partecipanti – Date fisse – Guida in lingua italiana – Il gruppo si costituisce all’arrivo a destinazione

In breve

Dove: India
Chi: individuali
Costi: da 820 euro
Durata: 13 giorni, 12 notti

Date

  • 2 Giugno  
  • 7, 21 Luglio  
  • 4, 18 Agosto 
  • 1, 15 Settembre 
  • 6, 20 Ottobre 
  • 3, 17 Novembre 
  • 1, 15 Dicembre 
  • 5, 19 Gennaio 
  • 2, 16 Febbraio 
  • 2, 16 Marzo 

La quota, in camera doppia, include:

  • Hotel 3*/4*/5*
  • Mezza pensione
  • Transfer da /per l’aeroporto
  • Bus a disposizione per il tour
  • Ingressi per le visite come da programma
  • Guida in lingua italiana per tutto il tour
  • Escursione a dorso di cammello a Jaisalmer
  • Gita in barca sul lago Pichola
  • Salita in Jeep all’Amber Fort a Jaipur
  • Assistente durante i trasferimenti di arrivo e di partenza 

La quota non include:

  • Voli da/per l’Italia
  • Visto
  • Mance
  • Bevande ai pasti
  • Extra personali
  • Assicurazioni
  • Tutto quanto non indicato alla voce “La quota include”.

Il Rajasthan è forse lo Stato più rappresentativo di quel sogno indiano che le fiabe de “Le mille e una notte” hanno regalato alla nostra fantasia. Un deserto, quello del Thar, che è un’immensa distesa di dune intervallate da villaggi lungo la strada un tempo percorsa dalle carovane dei mercanti che trasportavano preziose merci dalla Cina e dall’India stessa verso la Persia e l’Asia Minore. In questa bollente distesa di sabbia color ocra emergono oasi meravigliose impreziosite da templi, palazzi e fortificazioni dalle architetture tipiche dell’arte rajput, nata dall’unione delle tradizione musulmana con quella indù. La capitale Jaipur, anche detta la “città rosa”, presenta alcune caratteristiche fondamentali di questa tradizione, in particolare il jali, una pietra perforata a motivi geometrici utilizzata come riparo dei balconi costruiti perché le donne potessero guardare in strada senza essere viste, come nel caso del Palazzo dei venti. Questa e molte altre costruzioni colpiranno il vostro sguardo, così come i colori, quelli dei vestiti delle donne, che risaltano sul giallo ocra del paesaggio e la festosità degli abitanti, che si esprime in particolare durante i numerosi festival, come la celebre fiera dei cammelli di Pushkar.

Per chi è indicato il tour

L’itinerario ha carattere culturale.
Va bene per tutte le età – L’itinerario si effettua in bus, i trasferimenti sono di media/lunga durata, ma vi daranno la possibilità di attraversare e ammirare territori dalle caratteristiche diverse. Le visite non prevedono camminate particolarmente faticose.
Chi intraprende questo viaggio deve tenere a mente che l’India è un paese in cui il disagio è evidente ed è vissuto per strada, nei piccoli paesi come nelle città più grandi.

Documenti necessari

Passaporto personale ( anche per minori) con validità residua di almeno 6 mesi dalla data di rientro dal viaggio.
VISTO – da richiedere in Italia.

Itinerario

Giorno 1: INDIA/Delhi
Arrivo all’aeroporto internazionale di New Delhi. Disbrigo delle formalità d’ingresso e doganali, incontro con l’assistente e trasferimento in hotel ( check-in dalle ore 14). Pranzo libero. Nel pomeriggio, visita del Qutub Minar – la cui costruzione iniziò nel 1199 per celebrare la vittoria sull’ultimo regno Hindu; è il prototipo di tutti i minareti indiani. Visita del tempio Sikh “ Gurudwara Bangla sahib”, un tempio maestoso, con delle grandi cupole dorate. Si accede al tempio a piedi nudi (sono vietate anche le calze) insieme ai fedeli che si riuniscono in preghiera. All’interno del tempio si trova il “lago miracoloso” dove i credenti si immergono per ricevere benefici. Potrete osservare la cucina del tempio, che ogni giorno ospita miglia di persone, a cui vengono distribuiti pasti gratuiti. Sosta fotografica all’India gate, arco eretto in memoria della prima guerra mondiale, a seguire si visiteranno dall’esterno il Palazzo del Parlamento e la casa del Presidente dell’India, in perfetto stile britannico. Cena e pernottamento in hotel.
Giorno 2: Delhi - Mandawa
Prima colazione in hotel. In mattinata partenza per Mandawa (232 Km/06 Ore). All’arrivo sistemazione in hotel e passeggiata a piedi per visitare questa piccola località creata nel 1755 come punto di sosta fortificato sulla via delle rotte carovaniere tra Vicino ed Estremo Oriente e trasformato successivamente grazie ai proventi dei commerci in una città fiabesca. Le case tipiche, dette Haveli, sono dipinte con allegri murali. Cena e pernottamento in hotel.
Giorno 3: Mandawa – Bikaner
Prima colazione in hotel. In mattinata partenza per Bikaner (190 Km/04 Ore). All’arrivo sistemazione in hotel. La città di Bikaner, fondata nel deserto nel 1488, è circondata da alte mura merlate. Nel pomeriggio visita del forte Jungarh, costruito tra il 1588 ed il 1593 dal raja Rai Singh, generale dell’esercito di Akbar, imperatore dei Moghul. Il forte è circondato da mura lunghe 986 metri, dotate di ben 37 bastioni, con la Surajpol o Porta di Sole (Sun Gate) che rappresenta l’entrata principale al complesso. Le costruzioni all’interno di queste mura creano un insieme davvero pittoresco di cortili, balconate, chioschi, torri e finestre. Cena e pernottamento in hotel.
Giorno 4: Bikaner - Jaisalmer
Prima colazione in hotel. Partenza per Jaisalmer (330 Km/07 Ore). Soprannominata la “città d’oro” per via del colore che assumono i suoi edifici al tramonto, questa città fortezza sorge nell’arido deserto del Thar. La sua collocazione strategica, sulla via che collegava l’India all’Asia centrale, fu fonte di grande ricchezza per la città che presto si riempì di dimore magnifiche in legno finemente intarsiato e in arenaria giallo oro, e splendidi templi. All’arrivo sistemazione in hotel, cena e pernottamento.
Giorno 5: Jaisalmer
Prima colazione in hotel. Al mattino visita della città: stupendi templi jainisti finemente cesellati, il forte che si erge maestoso sul colle di Tricutta e il lago artificiale. Nella città si trovano le dimore in pietra gialla dei nobili signori come Nathmal Ji Ki Haveli , Salim Singh Ki Haveli e Patwon-Ji-Ki-Haveli che testimoniano la ricchezza del tempo con decori, intarsi ed espressioni dell’arte del Rajasthan. Le vicine dune di Sam vengono definite come una parte di Sahara e danno l’idea della vastità e della potenza del deserto. Nel pomeriggio escursione per ammirare il tramonto dalle dune, con escursione a dorso di cammello. Cena e pernottamento in hotel.
Giorno 6: Jaisalmer - Jodhpur
Prima colazione in hotel. Partenza per Jodhpur (270 Km/05 Ore). La “Città Blu” è un’importante meta turistica grazie ai suoi numerosi templi e palazzi, oltre che per il suo maestoso forte che troneggia da un massiccio di 130 metri. All’arrivo sistemazione in hotel. Nel pomeriggio visita della città: il Forte Mehrangarh, tuttora gestito dal maharaja di Jodhpur, si estende su una collina alta più di cento metri, di cui segue il profilo. Visitandolo si passa attraverso ben sette porte, alcune delle quali portano ancora le tracce delle cannonate subite dal forte nel corso della sua storia. L’interno è costituito da una fitta rete di cortili e palazzi, splendidi esempi di architettura rajput. Il Jaswant Thada, è un monumento commemorativo dedicato al maharaja Jaswant Singh II con le sue particolari cupole in marmo bianco. Il cenotafio fu eretto nel 1899, negli anni successivi furono realizzati anche il crematorio reale e gli altri tre cenotafi che si vedono nelle vicinanze. Ricco di monumenti e decori marmorei davvero raffinati, offre anche una formidabile vista panoramica del territorio circostante. Cena e pernottamento in hotel.
Giorno 7: Jodhpur – Ranakpur – Udaipur
Prima colazione in hotel. Partenza per Udaipur (270 Km/07 Ore). Durante il viaggio sosta per visitare i Templi Jainisti di Ranakpur, capolavoro d’intarsio nel marmo bianco. Il magnifico tempio jainista scolpito nel marmo bianco é uno dei cinque luoghi più sacri per la religione Jainista. Il tempio è uno straordinario esempio del genio dell’architettura che vuole stupire. Qui si possono incontrare molti pellegrini che ricevono le benedizioni dai “monaci” del tempio. Partenza per Udaipur dopo la visita. All’arrivo sistemazione in hotel, cena e pernottamento.
Giorno 8: Udaipur
Prima colazione in hotel. Al mattino visita della città fondata nel 1567 e anche detta “città dei Laghi”. Visita al Palazzo della città che si erge sul lago Pichola, il più grande complesso residenziale del Rajasthan che ospita importanti musei, uno dei quali, situato nella parte più nobile del palazzo, vanta una preziosa raccolta che comprende il cortile noto come Mor Chowk, con i suoi bellissimi mosaici raffiguranti il pavone, l’uccello più amato dello stato. Visita al Sahelion-ki-Bari, il Giardino delle dame, con le sue numerose fontane, impreziosito da chioschi delicatamente cesellate ed elefanti. In serata potrete rilassarvi facendo un romantico giro in barca sul Lago Pichola (livello dell’acqua permettendo). Cena e pernottamento in hotel.
Giorno 9: Udaipur – Pushkar- Jaipur
Prima colazione in hotel. Partenza per Jaipur (424 Km/09 Ore). Durante il viaggio sosta per visitare Pushkar, la città dedicata al dio Brahama. I templi e le cupole bianche della città si rispecchiano sul lago che porta lo stesso nome. Il suo cuore è uno dei laghi più sacri dell’India, circondato dai ghats. Il tempio di Brahma attira pellegrini tutto l’anno. A seguire partenza per Jaipur, conosciuta come la “città rosa”; circondata da aspre colline, ognuna coronata da formidabili fortezze, bei palazzi, ville e giardini sparsi in tutto il perimetro, la città affascina ogni visitatore. All’arrivo sistemazione in hotel. Cena e pernottamento in hotel.
Giorno 10: Jaipur
Prima colazione in hotel. Al mattino visita del Forte Amber (la salita verrà effettuata in jeep). Costruito a partire dal 1592, ha una facciata solenne ed austera, mentre gli interni sono fastosi, eleganti e raffinati. La visita proseguirà con una sosta fotografica all’Hawa Mahal, meglio conosciuto come il palazzo dei Venti, con le sue 953 finestre. Nel pomeriggio visita del City Palace, che costituisce il cuore della città vecchia. Si tratta del palazzo del Maharaja, alcuni appartamenti sono ancora abitati dalla famiglia dell’ultimo Maharaja e non sono visitabili. Nelle sale aperte al pubblico sono custoditi meravigliosi tesori. Visita dell’Osservatorio Astronomico, il Jantar Mantar, il più famoso dei cinque progettati da Jai Singh, precursore delle scienze e delle tecnologie in genere, tanto che, al termine, il suo Osservatorio risultò essere più preciso di 20 secondi rispetto ai manuali che servirono alla sua costruzione. In serata visita di un tempio indu per assistere alla preghiera serale, a seguire camminata nella “città rosa” per osservare gli artigiani. Cena e pernottamento in hotel.
Giorno 11: Jaipur – Fatehpur Sikri - Agra
Prima colazione in hotel. Al mattino partenza per Agra (240 KM/ 06 Ore). Sosta a Fatehpur Sikri, la città abbandonata, costruita in arenaria rossa dal grande imperatore Moghul Akbar come sua capitale nel 16 ° secolo. La città è stata abbandonata subito dopo la sua costruzione, per mancanza di acqua. E’ certamente uno dei complessi archeologici meglio conservati e rappresentativi dell’arte Moghul. Arrivo ad Agra; la città viene associata al periodo degli imperatori Moghul, famosi per lo sfarzo della loro corte imperiale e per lo splendore delle loro capitali sistemazione in hotel. Cena e pernottamento in hotel.
Giorno 12: Agra - Delhi
Prima colazione in hotel. In mattinata visita del famoso Taj Mahal, una delle 7 Meraviglie del Mondo. Il monumento è costruito in marmo bianco con pietre preziose incastonate, e contiene i cenotafi dell’imperatore e della moglie nascosti dietro una preziosa giada in pietra. Decorato con calligrafie e bellissimi intagli, è stato descritto come la più stravagante opera d’amore mai costruita. Successivamente visita al Forte di Agra, roccaforte dell’impero Moghul, che ospita la Moschea delle Perle e le Sale delle Udienze. Fu sede del governo e dell’amministrazione, la struttura attuale deve la sua origine all’Imperatore Akbar che eresse le mura, le porte ed il primo edificio sulla riva orientale del fiume Yamuna. Nel pomeriggio partenza per Delhi (204 Km/04 Ore). All’arrivo sistemazione in hotel, cena e pernottamento.
Giorno 13: Delhi - ITALIA
Prima colazione in hotel. Trasferimento in aeroporto e partenza con il volo di rientro.

Costi

Quote a persona in camera doppia (min 2)
820 euro da maggio a settembre 2018
Supplemento singola: 310 euro
900 euro da ottobre 2018 a marzo 2019
Supplemento singola 380 euro
Cenone della vigilia di Natale è obbligatorio. Per il tour con arrivo il 15 Dic a Delhi viene applicato questo supplemento (quota da verificare)

Durata del viaggio

13 giorni, 12 notti

Hotel

  • Delhi:Welcome Dwarka  ***** o similare
  • Mandawa: Desert Resort  *** o similare
  • Bikaner: Lallgarh Palace – Heritage o similare
  • Jaisalmer: Rawalkot  **** o similare
  • Jodhpur: The Ummed  **** o Fairfield by Marriott **** o similare
  • Udaipur: Ananta Spa & Resort **** o Ramada **** o similare
  • Jaipur: Fortune Select Metropolitan **** o similare
  • Agra: Clarks Shiraz ***** o similare
  • Delhi: Welcome Dwarka ***** o similare

Notizie utili

BAGAGLIO – Per quanto riguarda i bagagli da portare in cabina e da consegnare per la stiva si prega di seguire le disposizioni della compagnia aerea che effettuerà il servizio. Le regole in materia di sicurezza non consentono di portare con sé all’interno della cabina dell’aeromobile i seguenti oggetti- forbici di qualunque misura, limette, tronchesine per le unghie e oggetti simili. Per quanto riguarda qualsiasi tipo di liquido, dentifrici, profumi, gel per capelli, cosmetici, creme e lozioni è possibile portarli a bordo solo in contenitori da massimo 100 ml/100 gr. Tutto ciò dovrà essere contenuto in una busta di plastica trasparente chiusa dal peso massimo di un chilo. Il personale addetto al controllo ha facoltà di sequestrare qualunque oggetto giudicato pericoloso o non conforme alle normative vigenti.

VALUTA – La valuta locale, Rupia indiana (INR), non è reperibile in Italia.
La Rupia indiana vale circa 0.012 Euro, 1 Euro vale circa 79 Rupie indiane.

TELEFONI – Per telefonare in India dall’Italia, usare il seguente prefisso internazionale: 0091 + prefisso locale + numero dell’abbonato.
Per telefonare dall’India in Italia, comporre: 0039 + prefisso locale + numero dell’abbonato.
Dall’India è possibile telefonare in Italia usando schede telefoniche o tramite gli uffici postali, le telefonate dall’albergo costano più care. E’ inoltre possibile telefonare con un cellulare, ma l’utilizzo di tali apparecchi è limitato a determinate regioni, contattare il proprio gestore per abilitare il telefono e conoscere le modalità di utilizzo.

FUSO ORARIO – La differenza di fuso orario è di + h. 4.30 rispetto all’Italia. Quando in Italia è in vigore l’ora legale, la differenza è di +3 ore e mezza.

DISPOSIZIONI SANITARIE – Non sono richieste vaccinazioni obbligatorie. Consigliata la profilassi antitifica. La profilassi antimalarica è consigliabile solo nel periodo monsonico in alcune zone dell’India. Consultare il proprio medico.

CONSIGLI IGIENICO/SANITARI – Consigliamo di portare dall’Italia oltre ai farmaci di uso abituale, un analgesico, prodotti per la cura di infezioni o problemi intestinali, un collirio, un disinfettante (consigliabili le salviettine). Consultare il medico di famiglia per le prescrizioni specifiche. Raccomandiamo di bere esclusivamente acqua minerale, da bottiglie sigillate, di non fare uso di ghiaccio nelle bevande e di osservare accurate precauzioni igieniche nel consumo di frutta e verdure crude, creme, gelati, spremute fresche, prodotti caseari, o di alimenti a base di uova crude.

CLIMA – In India il clima è molto vario, esistono comunque tre stagioni principali: l’inverno (da novembre a marzo); l’estate (da aprile a giugno); il monsone (da luglio a settembre-ottobre). Con riferimento all’area settentrionale, l’estate è molto calda, con punte anche superiori a 35 gradi. Da luglio a settembre-ottobre, nonostante le piogge monsoniche, le temperature rimangono calde. In inverno le temperature scendono ma la minima rimane intorno agli 8-10 gradi.

ABBIGLIAMENTO – Consigliamo un abbigliamento semplice, a “strati”; indossare capi leggeri cercando di evitare (soprattutto per le donne) indumenti che scoprano troppo il corpo, occhiali da sole e cappello in estate. In tutte le stagioni scarpe comode e ombrello o mantella per la pioggia. Nei luoghi di culto uomini e donne devono essere vestiti in maniera rispettosa, con braccia e gambe coperte, è sempre richiesto togliere le scarpe prima di entrare in un luogo sacro. Portarsi sempre calze e foulard.

ELETTRICITA’ – 220-230-240V, 50 HZ. Le prese sono di tipo inglese (con tre punte quadrate). E’ consigliato munirsi di adattatore.

MATERIALE FOTOGRAFICO – Le pellicole e micropile sono reperibili ovunque. Consigliamo di rifornirsi in Italia di tutto il materiale fotografico specialistico. E’ bene rispettare i divieti di fotografia onde evitare di incorrere in sanzioni o nel sequestro delle apparecchiature. E’ vietato fotografare aeroporti, porti, caserme, postazioni militari e di confine e i luoghi di interesse strategico.

CUCINA LOCALE – Le differenze della cucina indiana tra nord e sud sono considerevoli, sia a causa del clima sia per le influenze storiche. A nord si mangia molta più carne e la cucina è spesso simile a quella del Medio Oriente e dell’Asia centrale, molto speziata, accompagnata da cereali e pane. La cucina vegetariana è diffusa e il “curry” (piatto di carne e/o verdure con spezie) è di solito molto piccante. Piatti tipici della cucina indiana sono le ‘samosa’, fagottini di sfoglia, e le ‘kofta’, polpettine; la carne e il pesce ‘Tandoori’, speziati e cotti nel forno Tandoor (forno in terracotta), oppure ‘korma’, in umido. I piatti vegetariani sono molto vari: il dhal, lenticchie, “l’aalu dum”, curry di patate, il “palak paneer”, spinaci e formaggio; e “l’aalu chhole”, patate a cubetti e ceci in agrodolce. Altre verdure sono il “part Gobi” (cavolo), il “phuul gobi” (cavolfiore), il “baingan” (melanzana) e i “mattar” (piselli). In India si trova un incredibile assortimento di dolci e dessert a base di riso o di latte. Le bevande più diffuse sono il tè e il caffè.

USI E COSTUMI – Il mondo indiano ha usi e costumi diversi dai nostri, pertanto è necessario saper affrontare le varie situazioni con spirito di adattamento che permetterà di superare le eventuali difficoltà che si presenteranno. Nei luoghi sacri è necessario togliere le scarpe prima di entrare, a volte è richiesto coprirsi il capo, in ogni caso si consiglia di indossare indumenti che coprano gambe e braccia, e non toccare oggetti sacri con i piedi e con la mano sinistra. Nei musei bisogna sempre depositare borse, giacche e ombrelli al guardaroba e attenersi ai divieti di fotografare o riprendere con telecamere.

Desideri ricevere informazioni o un preventivo su questo itinerario?

Compila il modulo, ti risponderemo presto.

Nome*

Email*

Richiesta

Accetto le condizioni sul Trattamento dei dati personali